Concerto "sul filo della solidarietà" del 22 ottobre 2009

 

La foto é di Giuseppe Terrigno



I Maestri del Lavoro del Molise per il Conservatorio di Musica dell’Aquila E L’ ACCADEMIA DELLE BELLE ARTI

 

COMUNICATO STAMPA

Premesso che:

Il Consolato Maestri del Lavoro del Molise e 50 & Più Fenacom Molise insieme all’Associazione Culturale SAX ENSAMBLE hanno organizzato “…Insieme sul filo della solidarietà…” un concerto che si è tenuto lo scorso 22 ottobre 2009, presso il teatro Savoia di Campobasso.

Lo scopo della manifestazione, mediante una raccolta fondi, è stato di contribuire all’opera di ricostruzione del Conservatorio Musicale dell’Aquila che, come noto, è stato gravemente danneggiato dall’evento tellurico del 6 aprile 2009.

Premesso che:

Il Consolato dei Maestri del Lavoro del Molise ha realizzato una pubblicazione dal titolo: “IL MOLISE E LE SUE MANI D’ORO” scritta dalla Console Anna di Nardo Ruffo.

Il libro, che si compone di 504 pagine, stampate a colori su carta patinata lucida in formato 31 x 21, corredato da oltre 600 fotografie, nasce dalla necessità di conservare il patrimonio di conoscenze e di cultura professionale del Molise e dal desiderio di trasmettere alle nuove generazioni curiosità e rudimenti di mestieri e professioni che si stanno perdendo nel tempo, ma che non possiamo permetterci il lusso di dimenticare per non smarrire la nostra stessa identità, la nostra cultura. I Maestri del Lavoro si prefiggono lo scopo di portare a conoscenza dei nostri giovani, mediante incontri nelle scuole, quello che è stato il nostro passato, presentando contemporaneamente le testimonianze di quanti, onorevolmente e con amore verso il lavoro e il Molise, si realizzano anche a livello internazionale.

L’intenzione è di devolvere l’intero ricavato delle offerte, dedotti i costi di stampa, a sostegno del Progetto “La nostra Aquila aiutiamola a volare”.

Una delegazione dei Maestri del Lavoro del Molise: la Console Anna di Nardo Ruffo, il Cav. Luigi Calabrese e Donato De Santis, il 19 gennaio u.s. si sono recati a l’Aquila e unitamente al Console dei Maestri del Lavoro abruzzesi, Giorgio Vitaliani ed altri colleghi del Consolato hanno prima incontrato il Maestro Bruno CARIOTI, direttore del Conservatorio di musica “A. Casella” . al quale sono stati consegnati € 3.021, somma raccolta durante il concerto al Savoia, come specificato in premessa.

Il Direttore si è intrattenuto poi con la delegazione, esplicando come in soli 35 giorni sia stato ricostruito il Conservatorio che dispone di 42 aule, una biblioteca, un auditorio da 150 posti, con un’acustica perfetta, curata da un esperto cinese e uno spazio all’aperto con gradoni per 300 persone.

La struttura è stata inaugurata da circa un mese, per far fronte alle prime esigenze ed in attesa che sia ricostruito l’intero complesso del Conservatorio A. Casella, La Console Anna Ruffo facendosi portavoce di 50 & Più FENACOM e dell’Associazione Culturale SAX ENSAMBLE ha poi suggerito di istituire con i fondi predetti, una Borsa di studio intitolata ai molisani deceduti nella tragedia del 6 aprile 2009 . Questi i nomi dei nostri corregionali:

  • Danilo Ciolli di Carovilli;
  • Michele Iavagnilio di Isernia;
  • Luana Paglione di Capracotta;
  • Elvio Romano di Bojano;
  • Ettore Sferra di Forli del Sannio;
  • Vittorio Tagliente di Isernia.

L’idea è stata accolta con molta soddisfazione.

La delegazione dei Maestri ha raggiunto successivamente l’Accademia delle Belle Arti. Durante il colloquio, il Direttore Prof. Eugenio Carlomagno ci ha spiegato come per il momento gli studenti, circa 600 giovani, non pagano le tasse scolastiche ma hanno gravi disagi per la mensa (prima esisteva quella universitaria) e per il pendolarismo cui sono sottoposti giornalmente con grave aggravio economico per le famiglie.

Ci ha precisato inoltre che hanno richiesto il finanziamento per la costruzione di una struttura, da adibire a Scuola di restauro, in considerazione di tutte le opere d’arte danneggiate dal sisma. Hanno intanto iniziato a lavorare su una importante opera: la tela di S. Massimo di 120 metri. La Console ha fatto presente al Preside che quanto ricavato dalla pubblicazione “IL MOLISE E LE SUE MANI D’ORO”, augurandosi che il libro incontri i consensi e facendo leva sullo spirito di solidarietà di molti, (che scatta sempre al momento della necessità) sarà destinato all’Accademia delle Belle Arti dell’Aquila, notizia che non poteva non rasserenare i presenti. In tarda mattinata la delegazione molisana ha lasciato l’Aquila pienamente soddisfatta di aver profuso tutto l’impegno possibile per un altro dei tanti progetti.

 


 

Le foto sono del Md Cav. Luigi Calabrese

 
Federazione Maestri del Lavoro D'Italia - Ente Morale D.P.R.1625 del 14 Aprile 1956 - Consolato Regionale del Molise
Realizzazione Grafica RamoWEB