L'Associazione non governativa Scuola Strumento di Pace

E.I.P. “Ecole Instrument de Paix” Italia

Sotto l' Alto Patronato del Presidente della Repubblica
promuove
per l'anno scolastico
2010-2011
il
XL CONCORSO NAZIONALE


nell' ambito del PROGETTO del  MIUR per il 150 Anniversario dell’ Unità d’ Italia I EDIZIONE : art. 3 della D.U.D.U. del PREMIO E.I.P. “SICUREZZA  A  SCUOLA” in ricordo del piccolo Luigi Petacciato morto nel crollo della scuola F.Jovine a San Giuliano di Puglia.


1° Premio: € 250,00 per lavori e progetti  della scuola Primaria
1° Premio: €250,00 per la Scuola Secondaria di 1° Grado
1° Premio: € 500,00 per la Scuola Secondaria di 2° Grado

I Maestri del Lavoro del Molise hanno raccolto immediatamente l’invito di Nunziatina Porrazzo, ‘la mamma coraggio’ di Luigi Petacciato, dando la loro disponibilità ad incontrare gli studenti delle scuole del Molise, per sensibilizzare e diffondere specifici argomenti, riguardanti in particolare la cultura della sicurezza in genere ed in particolare il Progetto che lei e suo marito hanno fortemente voluto perché Luigi non sia dimenticato.

Non avremmo potuto rispondere diversamente, visto i tanti tragici momenti che abbiamo vissuto accanto ai genitori degli Angeli di San Giuliano di Puglia. In particolare per Nunziatina abbiamo un’ ammirazione particolare per il coraggio avuto nel giorno del funerale dei 26 bambini (un altro bimbo morirà in seguito) e della maestra, quando lanciò un veemente, disperato messaggio alle Istituzioni sulla mancanza di sicurezza e prevenzione nelle scuole.
Ed ancor di più questa mamma è nel nostro cuore per la costanza e la determinazione nel portare in ogni dove la sua testimonianza, divulgando la sensibilizzazione della sicurezza degli impianti scolastici, a garanzia degli alunni che li frequentano.


Questa la squadra dei Maestri del Lavoro: Giuseppe Aretini, Enzo Armanetti, Nicola Baranello, Lucia Angela Daniele, Antonio De Blasio, Anna di Nardo Ruffo, Pasquale Santoro, Antonio Testa, Rino Verrecchia. Le foto sono dei MdL Gino Calabrese, Donato De Santis, Rino Verrecchia, alunna dell’ Istituto Professionale ‘V.Cuoco’ di Campobasso, Nicola Parisi e Giuseppe Ruffo.
Nei vari incontri, nelle due Provincie di Campobasso ed Isernia, abbiamo visitato sedici scuole ed incontrato circa mille studenti.

Questo il programma predisposto che, in ossequio al 150° de l’Unità d’ Italia ha previsto, dove le strutture lo hanno permesso, di  iniziare con:


Lo spot di Tecnova per il 150° dell’ Unità di Italia

Il responsabile di Tecnova di Termoli, Dott. Gianfranco De Gregorio, è stato ben lieto di metterlo a disposizione per divulgarlo nelle scuole.

Dim lights Embed Embed this video on your site


•   Accenni sulla storia dei nostri 150 anni con accenni alle celebrazioni per l’evento, con particolare riguardo alla grande vetrina del “made in Italy” in cui il Molise spicca attraverso il prestigio e la notorietà della Pontificia fonderia di campane Marinelli.

•   Presentazione dei Maestri del Lavoro – Chi sono – Come c’entrano nelle storie di Marcinelle, San Giuliano di Puglia, due segmenti che s’intrecciano tra di loro.

•   Presentazione del Progetto.

•   Approfondimento della “Sicurezza a scuola” con slide sull’argomento.

•   Letture di alcuni brani delle testimonianze, estratte dal suddetto libro, del Dott. Bertolaso, la Maestra Clementina Simone e la Bidella Giuseppina Simone.

•   Chiusura dell’incontro con la proiezione del video “Best Signs Story – Segnali di Sicurezza”, con il personaggio Napo, che attira sempre i ragazzi.

Al termine dell’incontro è stato fatto dono alle scolaresche del libro precedentemente illustrato.

 

Per visualizzare la tabella incontri scuole, clicca quì
Per visualizzare le testimonianze studenti, clicca quì

La testimonianza del Dirigente Scolastico e delle Docenti dell’Istituto Comprensivo L. Pilla di Venafro.

Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA SECONDARIA  DI I E II GRADO

86029 TRIVENTO (CB)

Via  Acquasantianni  s.n.  -  (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770)

CODICI MECC.: CBMM185005 – CBPM070004 C.F. 80002060707

Sito web: http://www.istitutocomprensivotrivento.it - e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Testimonianza della Vice Preside Prof. Maria Fiorito dell’Istituto Comprensivo di Trivento.
Preg. ma Sig.ra Ruffo,
l’incontro di stamane è stato particolarmente significativo, come sempre accade quando i Maestri del Lavoro incontrano i nostri studenti. E’ commovente assistere allo scambio, profondamente umano, tra generazioni diverse, quantunque sembrano non esserci ostacoli allorché le giovani menti si aprono all’ascolto delle esperienze professionali di coloro che si sono distinti nel mondo del lavoro, tanto da essere insigniti della stella al merito. Quest’ultimi meglio di chiunque altro rappresentano la nostra nazione e iniziare il vostro intervento con l’inno nazionale è stato il miglior modo per celebrare anche il 150^ anniversario dell’Unità nazionale, a pochi giorni dal 17 marzo.
La ringrazio, perché ha fornito moltissimi spunti di riflessione per i nostri allievi; abbiamo scelto i “più giovani” (le classe prime della scuola secondaria di primo grado e le classi quinte della scuola primaria), per invitarli, fin da subito, a riflettere sulla tematica della sicurezza nel mondo del lavoro, che ci avete proposto. La presenza del sig. Parisi e del Sig. Di Tella,  di Trivento, hanno reso ancora più viva la partecipazione dei ragazzi, poiché pensare a chi ha vissuto e lavorato in condizioni molto diverse da quelle attuali, è fonte di crescita. Eppure la promozione del concorso intitolato a Luigi Petacciato ci fa ripiombare in una “attualità” molto dolorosa e lo è ancor di più a qualche ora dal terribile sisma del Giappone.
Gli alunni che hanno gremito il nostro auditorium avevano un paio d’anni quando si è verificato  il terremoto a San Giuliano di Puglia, ma Luigi, i suoi amici , la loro maestra sono sempre ricordati e rappresentati come angeli custodi, da chi vive quotidianamente la scuola come studente o in qualità di insegnante, ma da chiunque operi nel settore. Certo la scuola é considerata da tutti come un luogo sicuro, quello in cui ogni genitore accompagna il figlio con la tranquillità nel cuore, purtroppo, dopo gli eventi tragici del 2002, questa certezza è stata messa in discussione, per sempre.

Quotidianamente ci si prodiga, Dirigenti scolastici e amministratori locali, in primis, perché ciò avvenga, affinché  le scuole siano sicure; ma, bando alla retorica, è inevitabile scontrarsi con una realtà fatta di tagli alle spese e strutture di certo “non giovanissime” come i ragazzi che le animano. Allora si tenta di attivare tutte quelle buone pratiche a cui faceva riferimento il sig.
Armanetti, nel suo intervento, con la speranza di far arrivare ai giovani quel bel messaggio di tutela della propria e dell’altrui sicurezza, negli ambienti in cui vivono ogni giorno. Anche la proiezione del cartone animato, realizzato dall’INAIL, ha coinvolto molto i piccoli nativi digitali che fruiscono con molto interesse delle immagini simboliche. Mi auguro che i giovani siano portatori di questo messaggio sulla sicurezza anche alle loro famiglie, in maniera tale che possano comprendere il sacrificio quotidiano che i loro genitori compiono nel mondo del lavoro.
La ringrazio, salutandola cordialmente, e complimentandomi per il suo impegno, che, declinato al femminile, assume ancora più valore e mi permetto di salutare, tramite Lei, anche la mamma del piccolo Luigi Petacciato, come mirabile esempio di maternità, atrocemente ferita, che, raccontando la sua esperienza, consente ad ognuno di noi di riflettere sul reale senso della vita.

Maria Fiorito, Trivento Incontro per Premio Luigi Petacciato 11 marzo 2011

 


 

Le testimonianze di tre Maestri del Lavoro, tra cui due ‘remigini’.

Montefalcone nel Sannio
Non c’ero mai stato e mi ero perso molto, visto l’ impatto complessivo totalmente straordinario della mia giornata di testimonianza come Maestro del Lavoro  all’Istituto Comprensivo Don Vittorio Cordisco, con il progetto promosso dall’Associazione Non Governativa Scuola Strumento di Pace “Ecole Instrument De Paix” Italia, intitolato al piccolo Luigi Petacciato. Positivo l’incontro con il bravissimo preside Antonio De Rensis, gli alunni educati ed attenti, la scuola attrezzatissima, gli insegnanti fortemente coinvolti, i nostri amici accompagnatori ospiti squisitissimi, la casa di riposo delle suore, il sontuoso pranzo sul tratturo in riva al laghetto.
Momento centrale è stato l’ incontro con gli studenti attentissimi. Anna come al solito ha ammaliato tutti prima con la presentazione della nostra Associazione, poi con i dolci ricordi di Marcinelle e San Giuliano di Puglia.
Il mio turno di formazione sulla Sicurezza è stato facilitato dalla pregevole guida sull’ argomento preparata da Anna  in modo completo, semplice, efficace. I ragazzi hanno seguito con attenzione, già avviati all’ argomento sia per la conoscenza del piano di evacuazione attivo nella scuola sia per l’ approfondimento durante le lezioni di scienze degli argomenti relativi alla prevenzione incendi. E’ stata un’ ora preziosissima durante la quale pensavo fosse mio compito passare la mia esperienza e la mia conoscenza dell’ argomento ai ragazzi , ma durante la quale, come succede sempre in questi casi, ho ricevuto tanto da loro con la loro attenzione e con i loro occhi pieni di speranza e di futuro.
Un grazie alla nostra Associazione che mi dà l’ opportunità di contribuire a far crescere nella coscienza dei cittadini, attraverso i ragazzi delle scuole, la conoscenza e la cultura sui problemi della sicurezza.

MdL Nicola Baranello.

Venafro
Per me è stata la prima volta che ho parlato ad un gruppo di persone estranee al mio ambiente di lavoro e/o conoscenti. Ho preso parola (a Fornelli e Scapoli) per non gravare tutto il peso su De Blasio, visto che Testa era assente. Ci siamo divisi il compito, io ho fatto l'introduzione presentandoci ed illustrando chi sono i MdL, poi ho detto ai ragazzi dei vari concorsi proposti dal MIUR per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, in modo particolare quello in ricordo del piccolo Luigi. Gli alunni hanno seguito con attenzione i vari punti toccati, anche perché si è fatto riferimento a quanto già presente negli ambienti, cartellonistica e piano della sicurezza. De Blasio ha illustrato la seconda parte relativa panico e ai problemi connessi in caso di incendi. La ciliegina sulla torta, in tutte le scuole visitate, è stato il video degli auguri all'Italia, a Fornelli uno dei ragazzi ha preso il tricolore, mentre a Scapoli tutti, alunni ed insegnanti, si sono messi in piedi, qualcuno pure intonando le note dell'inno, ed alla fine vi è stato un lungo applauso rivolto all'Italia e, mi auguro, anche un poco a noi che li abbiamo "annoiato" per più di un'ora.
P.S. a Scapoli abbiamo riferito del terremoto appena avvenuto in Giappone e dell'allarme maremoto, non immaginavo cosa effettivamente fosse potuto accadere visto che i giapponesi sono molto più preparati di noi italiani a catastrofi del genere.

M d L Rino Verrecchia

Colli A Volturno
Proprio in questi ambienti scolastici, tanti anni fa’, ho avuto la mia prima esperienza lavorativa insegnando agli allora ragazzi dell’Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato.
Per me quindi trovarmi di fronte a queste classi delle scuole medie ed elementari, ottimamente organizzate dai loro docenti, ordinate e attente all’argomento che si trattava, è stata un’emozione particolare.
Ho avuto l’onore di poter aprire l’incontro presentando Antonio Testa, Rino Verrecchia e me stesso, illustrando la finalità della presentazione, il concorso proposto dal MIUR in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, nonché la federazione, la figura del Maestro del Lavoro  e le sue attività nell’ambito della scuola e della società, in particolare il canale “ Scuola Lavoro “.
Il Mdl Antonio Testa ha poi esposto la seconda parte della presentazione parlando della sicurezza nelle scuole con grande professionalità e chiarezza, suscitando grande interesse ed attenzione tra gli alunni.
Qui questo argomento è molto sentito e si stà vivendo in diretta, infatti, una parte dell’edificio scolastico è stata abbattuta, perchè classificata non idonea simicamente, ed al suo posto è stata ricostruita una nuova struttura che dall’anno prossimo ospiterà sia le Medie che le Elementari di Colli A Volturno.
Come già detto, insegnanti ed alunni hanno partecipato con molto interesse tanto che alla fine della presentazione ci hanno chiesto di ripeterla presso gli istituti di Fornelli e Scapoli, che fanno parte dell’Istituto Comprensivo di Colli A Volturno, cosa che abbiamo fatto molto volentieri, trovando anche lì grande interesse ed entusiasmo.
Come in tutte le scuole anche qui abbiamo proiettato il video degli auguri all’Italia che ha suscitato grande emozione ed applausi finali.

Mdl Antonio De Blasio

 


Per visualizzare la Galleria Fotografica clicca quì
Per visualizzare la Rassegna Stampa clicca quì
 
Federazione Maestri del Lavoro D'Italia - Ente Morale D.P.R.1625 del 14 Aprile 1956 - Consolato Regionale del Molise
Realizzazione Grafica RamoWEB