ATTIVITA’ SCOLASTICHE VARIE ANNO 2009

PROGETTO PIANETA GIOVANI

10 Marzo 2009

Università degli Studi del Molise – Premiazione del dott. Luigi Ianzano vincitore del Progetto “Pianeta Giovani”. E’ stato un momento particolarmente intenso, per ricordare a tutti i presenti che non può esserci futuro senza far tesoro delle esperienze del passato. Tra i presenti numerosi erano i giovani studenti, una nutrita rappresentanza era proveniente da San Giuliano di Puglia. Presenti anche alcuni parenti delle vittime di Marcinelle. Il vincitore ha voluto dedicare il premio ricevuto, ai nostri sette arcangeli di Marcinelle, ai nostri angeli di San Giuliano di Puglia, alla maestra e le altre due vittime civili del terremoto del 31 ottobre 2002.

 


VISITA ALL’ AZIENDA SEVEL DI ATESSA ( Valdisangro)

Per il progetto Scuola – Lavoro, siamo stati ricevuti unitamente ad alunni e docenti dell’Istituto Cuoco di Campobasso, alla SEVEL di Atessa. Mi sento in obbligo di ringraziare il collega Stefano De Sanctis, che per diversi mesi aveva insistito perché la visita si concretizzasse.

La percezione che tutti abbiamo riportato, ci ha proiettato in un contesto lavorativo dove ‘efficacia’ ed ‘efficienza’ non sono solo parole buttate in un discorso di presentazione di un’azienda, ma un reale modus operandi della stessa.


 


 

CORSO  L I S

 

Il 16 luglio é giunto a termine il corso triennale di LIS (Lingua Italiana dei Segni).

Due i momenti di aggregazione con i sordi nei quali siamo stati presenti:

  • 5 aprile Domenica delle Palme – Incontro interregionale della Pasqua del Sordo, celebrata a Termoli
  • 9 maggio - Spettacolo teatrale in LIS “Si può se si vuole”.

Ente Nazionale Sordi

Sezione Provinciale e Regionale

E N S  MOLISE

Federazione Maestri del Lavoro d’Italia

Consolato Regionale del MOLISE

AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE

L’8 settembre u. s., con la consegna degli attestati di fine corso ai partecipanti del 3° livello LIS (Lingua Italiana dei segni), si è conclusa la prima fase di un processo formativo finalizzato alla preparazione di figure professionali che, nuove nella nostra Regione, potranno occupare il ruolo di tutor, servizi alle imprese nel campo della cultura, salute, tempo libero, turismo per accompagnamento ed accoglienza dei non udenti.

Tenendo presente che in Italia vi sono 960 mila non udenti censiti, ribadiamo il concetto più volte espresso che anche il SORDO ha il diritto di partecipare alla cultura ed alla civiltà del proprio paese, come fruitore e costruttore delle stesse. Ognuno di noi ha il diritto di vivere la sua diversità anche se si tratta di disabilità, identificando i bisogni e promuovendo interventi che consentano una loro piena inclusione sociale.


SESTO CAMPANO RICORDA CANNAVINELLE

 

25 MARZO 2009

Sesto Campano, in provincia di Isernia – Per il Progetto Cannavinelle, è stato benedetto al cimitero cittadino il logo maiolicato dei Maestri del Lavoro sulle tombe dei tre lavoratori nati a Sesto Campano. Grande la partecipazione dei familiari dei Caduti, Autorità, studenti, cittadini e Maestri del Lavoro.

In seguito è stata inaugurata la “Via Caduti di Cannavinelle – Stelle al Merito del Lavoro alla Memoria”. A seguire, nell’Istituto Comprensivo, si è tenuto un incontro con gli studenti, popolazione e autorità per testimonianze, proiezioni delle immagini sulla tragedia del 25 marzo 1952 e premiazioni per gli elaborati presentati dagli studenti. Tra i messaggi degli studenti uno mi è sembrato più efficace:

“…scavare nel passato in modo selettivo per cercarvi ciò che può insegnarci a migliorare il presente e evitare che tragedie come quella di Cannavinelle si ripetano. Solo in questo modo la Memoria ha un senso e può diventare strumento di fiducia nel domani.”.

Vai alle pagine web del relativo Progetto


 

LE STORIE DIVENTANO STORIA

Nell’anno 1996 – 1997, il Consolato Regionale del Molise dei Maestri del Lavoro, ha indetto un Concorso Regionale storico sulla seconda guerra Mondiale riservato ai ragazzi delle Scuole Elementari e Medie del territorio, coinvolgendo nell’iniziativa:
- il Signor Presidente della Repubblica On.le Oscar Luigi Scalfaro;
- il Ministro della Pubblica Istruzione;
- il Presidente del Consiglio Regionale;
- l’Assessore Regionale alla cultura;
- i Provveditorati agli studi di Campobasso ed Isernia;
- varie Associazioni Combattentistiche ed arme;
- l’Istituto San Paolo di Torino;
- la Federazione Nazionale Cavalieri del Lavoro.
Bellissimi disegni, monografie, audio, videocassette, indagini presso gli archivi, interviste e racconti: non mancano pagine estremamente commoventi; questo il materiale pervenuto ai Maestri del Lavoro. La commissione giudicatrice (tra cui la scrittrice Ada Trombetta, autrice del libro “1943 – 1944 …… e fu guerra anche nel Molise”), ha lavorato sodo ben due mesi prima di redigere la graduatoria.
Il motivo che ha spinto i ragazzi nelle loro ricerche è stato “Ricordare la guerra perché cresca la pace nel mondo” e nell’approfondire l’argomento, si sono resi conto che la guerra è solo apportatrice di distruzione e che alla fine non ci saranno vincitori: si conteranno soltanto i morti dall’una e dall’altra parte.
I ragazzi hanno messo in risalto, tra l’altro, episodi toccanti che chiaramente dimostrano come in guerra non sempre “il nemico” rappresenta la cattiveria e “l’alleato” non sempre si dimostra amico.
Dai loro scritti emerge anche che solo eliminando l’odio tra i popoli, quando questo non esiste più, può venire la vera pace.
Queste bellissime testimonianze, raccolte amorevolmente e ben custodite, ogni volta che ho avuto modo di consultarle, hanno fatto sorgere dentro di me il desiderio di condividerle con altre persone, in special modo giovani.
L’occasione è stata offerta da Giuseppe Ruffo che ha accettato di unire i tanti documenti raccolti dai giovani alcuni con il suo lungo, certosino lavoro di ricerca di fatti, sentimenti, testimonianze dal vivo, notizie inedite riguardanti varie località e diverse situazioni anche extramolise vissute in quei terribili anni.

COMUNICATO STAMPA

Il 16 febbraio, a Bojano, nella bella cornice di Palazzo Colagrosso, promosso dalla Proloco e dall'Amministrazione Comunale della Città, i Maestri del Lavoro della Regione Molise hanno presentato il libro "Le storie diventano storia", curato da Giuseppe Ruffo.
Il libro era stato già presentato a Sant'Angelo del Pesco e Campobasso.
Questo libro costituisce la naturale prosecuzione di un altro concorso, sempre promosso dai Maestri del Lavoro nell'anno 1997-98 e con l'alto patrocinio del Presidente della Repubblica, a cui parteciparono le scuole elementari e medie della Regione.
Il tema fu incentrato sui fatti dell'ultima guerra mondiale, attraverso una indagine sui vissuti e sulle memorie delle persone che quella guerra l'hanno vissuta; una raccolta di testimonianze che la scrittrice molisana prof.ssa Ada Trombetta già raccolse nel volume "1943-1944… e fu guerra anche nel Molise".
Questa volta è Giuseppe Ruffo che, sempre muovendo da quelle testimonianze, ha rintracciato altre persone, le ha incontrate, ha con ciascuna ripercorso il calvario del lutto della fame, della distruzione, della paura, del corale reciproco conforto, attraverso le lettere, le fotografie, i ricordi, dunque le storie.
Ciascun intervistato, questa volta protagonista diretto, fornisce una tessera autentica che aiuta a ricostruire l'evento bellico dal punto i vista di chi la guerra l'ha vissuta sulla propria pelle.
Sono storie di uomini e di donne e di bambini raccontate o scritte con parole semplici, intercalate dall'affanno, che scolpiscono personaggi e vicende in bianco e nero.
Nulla è stato aggiunto, nulla è stato tolto; tutto il testo si compone di "frammenti originali", sapientemente cuciti tra loro dalla contestualizzazione nei luoghi e nel tempo degli episodi più conosciuti e dunque diventano la Storia.
Alcuni brani del testo sono stati letti dal Maestro del Lavoro Vincenzo Armanetti che, tra l'altro, ha condotto tutta la cerimonia; altri da Carlo Di Biase, studente di scuola media. La prof.ssa Onorina Perrella; docente nella scuola vincitrice del concorso '97, ha illustrato il metodo di raccolta e selezione del materiale recuperato dai suoi studenti, intrecciando le emozioni e le riflessioni dei ragazzi ai suoi personali ricordi della guerra vista con gli occhi di bambina.
Ha portato la sua testimonianza viva Francesco Faccenda, invalido civile di guerra, toccante e forte, sofferta e distaccata insieme, riconciliata con la vita e con la speranza.
II Maestro Fabrizio Palladino alla tastiera e al violino ha accompagnato con musica raffinata i vari momenti della cerimonia. che si è conclusa con le parole della Console Regionale della Federazione dei Maestri del Lavoro del Molise, sig.ra Anna di Nardo, che ha sottolineato ancora l'importanza di custodire la memoria di questa Terra e di questa Gente come cosa preziosa, perché non si perdano i valori del passato nell'avanzante omogeneizzazione dei modelli globali.
Le copie del libro sono state già quasi esaurite.
Il ricavato, già più di tredicimila euro, costituisce il finanziamento di un'altra importante iniziativa dei Maestri del Lavoro: infatti il 3 marzo corrente ha avuto inizio il corso a favore dei non udenti "Corso di 1° livello conoscenza base della Lingua dei segni Italiana LIS", la cui Associazione è stata presente alla cerimonia di Bojano.

Il Corso conta attualmente numerosi iscritti che costituiranno una preziosa taskforce per il territorio del Molise e dell'Abruzzo.

E dunque anche per i Maestri del Lavoro del Molise le storie si intrecciano e si susseguono: il Concorso del '97 si dipana nella ricostruzione del testo, che a sua volta genera un progetto di qualificazione professionale e futuro lavorativo, collocandosi nel filo rosso della Storia, dove l'impegno e la solidarietà costituiscono la componente che diviene continuamente nel tempo nella molteplicità delle forme, dei modi, dei contenuti, degli attori e dei fruitori e la costante storica rimane il valore del Lavoro, che i Maestri hanno realizzato e continuano a rappresentare.

Campobasso

L'Addetto Stampa

 

 
Federazione Maestri del Lavoro D'Italia - Ente Morale D.P.R.1625 del 14 Aprile 1956 - Consolato Regionale del Molise
Realizzazione Grafica RamoWEB