UN PELLEROSSA NEL PRESEPIO

Mostra dei Presepi in miniatura realizzati dagli alunni delle scuole d’infanzia di primo e secondo grado della Regione, Maestri del Lavoro e portatori di Handicap. In 10 giorni di apertura, l’affluenza è stata di circa 10000 persone.
Il tutto all’insegna dell’INTEGRAZIONE, con la poesia di G. Rodari.

Il Pellerossa nel presepe

Il pellerossa con le piume in testa
e con l’ascia di guerra in pugno stretta
come è finito tra le statuine
del presepe, pastori e pecorine,
e l’asinello, e i magi sul cammello
e le stelle ben disposte
e la vecchia delle caldarroste?
Non è il tuo posto, via Toro Seduto
torna presto di dove sei venuto.
Ma l’indiano non sente, o fa l’indiano.
Ce lo lasciamo, dite, fa lo stesso?
O darà noia agli Angeli di gesso?
Forse è venuto fin qua, ha fatto tanto viaggio,
perché non ha sentito il messaggio:
Pace agli uomini di buona volontà.


cliccare sulle immagini per ingrandirle