EURO


L’Euro è una nuova moneta.
E, come dice il nome, è la nuova
Moneta dell’Europa. O, per meglio
Dire, di quei paesi che faranno
Parte dell’Unione economica e
Monetaria. Fra qualche anno
Non ci saranno più lire italiane,
franchi francesi, marchi tedeschi, scellini austriaci……
ci saranno solo euro: una moneta unica per tanti paesi.
“C’era una volta ….” Una sola moneta. Ma quando?
Bisogna risalire molto lontano nella storia, addirittura
Ai tempi degli antichi romani, per trovare monete
Accettate in tutta Europa. Ma allora l’Europa, sotto
Il dominio di Roma era anche politicamente unita.
Oggi invece, sembra si voglia “mettere il carro davanti ai buoi”,
facendo prima di tutto una moneta comune. Perché?
La grande avventura della moneta unica mosse i suoi primi passi
cinque anni fa, con la firma del trattato di Maastricht
il 7 febbraio 1992. Che cosa spinse i Paesi europei a
imbarcarsi in questa impresa? Alla base di tutto, vi è ancora
e sempre l’antico sogno dell’Europa unita. Spesso nella
storia uno Stato più grande si formava attraverso guerre,
conquiste, annessioni. La via scelta oggi dai Paesi
dell’Europa è un’altra: creare, attraverso la fitta rete degli
scambi, attraverso il Mercato comune
e il Mercato unico, una comunanza
di interessi, un intreccio di commerci, una
consuetudine di contatti, una unità di regole
del vivere civile ed economico tale da facilitare,
domani,una graduale messa in comune delle
politiche e delle istituzioni. Su questa via, la
moneta unica è una tappa fondamentale: avere
una sola moneta, per popoli diversi, è un potente simbolo
di appartenenza alla stessa comunità.
Ed è anche, come vedremo più sotto, un utile lubrificante
Per una economia europea sempre più integrata.
Anche se il sogno di un’Europa unita fosse ancora lungo
da realizzare,la creazione della moneta unica (l’euro)
sarebbe un bene in sé perché farebbe funzionare meglio
l’economia del continente.


Bisogna
risalire ai tempi
degli antichi romani
per trovare monete
accettate in tutta
Europa